Quale mezzo di trasporto
per un funerale ecologico

Funerali in Italia 12 set 2017

Uno degli aspetti da curare nell’organizzazione di un servizio funebre è quello del trasporto.
Le esigenze di trasporto possono essere assai diverse e variabili e quindi il servizio deve sapersi adeguare ad ognuna.

Tradizionalmente, in Italia, siamo oggi abituati al cosiddetto carro funebre, ovvero ad un’auto, più o meno grande, specificatamente allestita per questa funzione.
In genere si tratta di bellissime auto che contribuiscono, giustamente, a dare un’immagine solenne e decorosa anche a questo aspetto della cerimonia.
Per chi se la sente di prendere un momento così delicato con la giusta dose di ironia, alcune agenzie funebri hanno persino a disposizione un intero parco mezzi, non necessariamente solenni ed austeri, fra cui scegliere, per personalizzare anche questo aspetto della cerimonia funebre: ad esempio, un’agenzia olandese offre un’ampia scelta fra cui spiccano un’auto rosa confetto, un caravan e persino un furgoncino in stile “figli dei fiori”.

Quello che forse, anzi sicuramente, non si prende in considerazione in quei momenti, è quanto anche il trasporto funebre possa contribuire all’incremento dell’inquinamento. Si tratta, infatti, pur sempre di mezzi in movimento costantemente e che richiedono quindi carburante e che immettono gas di scarico nell’atmosfera.
In questi ultimi anni, in cui l’attenzione nei confronti delle esigenze ambientali è fortunatamente molto aumentata, anche i mezzi per i trasporti funebri sono stati oggetto di una approfondita meditazione.

C’è un modo per limitare l’impatto ambientale dei carri funebri?
La risposta è sì e lo si può fare prendendo in esame quella che è stata la nostra tradizione fino a non molti anni fa, ovvero molto semplicemente funerali a piedi o con carri trainati da animali. Possiamo anche fare un esempio di funerale dal trasporto antico ed ecologico tutt’ora in uso in Italia: nella città di Venezia il funerale tradizionale si svolge in gondola.
Questa realtà, tutt’ora attuale, è un’ottima ispirazione, ma rimane funzionale solo per la realtà specifica di quella città.

Le alternative ci possono comunque essere e una, ad esempio, ce le offre la stessa agenzia funebre olandese citata poco sopra.
Per molti potrebbe essere considerata un pochino estrema, ma è proprio rappresentativa di questa nuova esigenza ambientale e, allo stesso tempo, molto vicina alle antiche usanze del funerale “a piedi” ed è rappresentata dalla bici con carrello per il trasporto della bara, ovviamente ecologica.
Ma non bisogna per forza essere così estremi se si desidera invece una cerimonia classica: la stessa agenzia ha infatti messo a punto, già qualche anno fa, anche uno speciale carro funebre modificando un’auto elettrica Tesla Model S ed ha unito così entrambe le esigenze, quelle di stile e quelle ambientali.
È questa la realtà che si sta delineando nel settore dei trasporti funebri in tutto il mondo: chi se la sente di affrontare un momento così delicato con una consapevolezza diversa, è capace di operare anche scelte decisamente diverse dall’ordinario in nome del bene del Pianeta.

Ma non può di certo valere per tutti: in momenti di tale fragilità per molti è, comprensibilmente, difficile operare anche le scelte più banali, quindi un funerale “alternativo” può risultare addirittura fuori luogo.
La scelta di adottare come mezzi di trasporto funebre dei mezzi elettrici ma che all’apparenza sono uguali a quelli tradizionali, riesce a coniugare le attuali esigenze ambientali a quelle emotive.

Vuoi una consulenza gratuita?
Chiamaci adesso al
+39 328 331 2059

CLICCA PER CHIAMARE
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@funeralenaturale.it