Il galateo del funerale
Buona educazione e tradizioni

Funerali in Italia 19 ott 2020

Il galateo del funerale è un insieme di regole non scritte, costituito da scelte e atti dettati dal buon senso, dalla buona educazione e anche dalle tradizioni culturali.
Tutti dovrebbero attenervisi, sia i parenti del defunto che gli amici e chiunque partecipi al lutto.

Partiamo con l’abbigliamento: tradizionalmente, il colore abbinato agli eventi luttuosi è il nero. Oggi questa osservanza è richiesta solo ai familiari più stretti, mentre a tutti gli altri è solamente richiesto di rispettare il lutto tramite una certa sobrietà nel vestire: abiti scuri e semplici, senza troppi decori o fantasie sgargianti; niente scarpe sportive o sandali; per gli uomini sarebbe indicata la camicia, meglio se bianca, la giacca e la cravatta lunga; per le donne niente scollature, tacchi altissimi e gioielli vistosi.

Il galateo del funerale prevede per tutti un comportamento serio e dignitoso, dimostrazione di grande rispetto nei confronti del defunto: niente chiacchiericcio in camera ardente, in chiesa, durante il corteo e al cimitero; i telefoni cellulari devono essere assolutamente spenti; la puntualità è d’obbligo, soprattutto per i parenti e gli amici intimi che occuperanno le prime file.

È usanza comune quella di porre un registro delle visite da firmare all’arrivo in camera mortuaria o al momento del funerale. Oggi è anche comune “personalizzare” in qualche modo la cerimonia, in base, magari, ai desideri del defunto o alle richieste di chi volesse rendergli omaggio in maniera speciale. È quindi concesso fare piccoli interventi, come un breve discorso in memoria, al termine dei quali è assolutamente vietato, però, fare l’applauso. Questa è un’usanza riservata unicamente agli artisti, ai personaggi dello spettacolo: l’applauso è dedicato all’ultima uscita di scena.

Per quanto riguarda le comunicazioni, la notizia del decesso e le condoglianze andrebbero fatte personalmente o al massimo per telefono alle persone più vicine. Per informare quante più persone possibile del decesso, poi, si ricorre al classico necrologio, che deve essere chiaro e deve fornire tutte le informazioni utili per permettere a chiunque lo volesse di partecipare al lutto. Per le condoglianze va bene anche il classico telegramma quando proprio non si può intervenire alle esequie.
In ultimo, la famiglia è sempre tenuta a ringraziare i partecipanti alle esequie e chi ha inviato fiori e telegrammi.
In tutti i casi il galateo del funerale vieta l’uso dei social network per questo genere di comunicazioni.




Vuoi una consulenza gratuita?
Chiamaci adesso al
+39 328 331 2059

CLICCA PER CHIAMARE
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
info@funeralenaturale.it